• Valuta
  • Lingua
26 giu 2018 | Tempo di lettura estimato: 5 minuti |
Casa Milà Interni

Casa Milà Interno, Facciata e Tetto

Casa Milà Interno, Facciata e Tetto

Scopri l'interno, la facciata e il tetto di Casa Milà

Mi chiamo Sarah e vorrei presentarti una delle mie attrazioni preferite a Barcellona. Casa Milà ha avuto un passato controverso, tuttavia è ora una popolare attrazione turistica nella capitale catalana.

In primo luogo, ti presenterò Antoni Gaudí, l'architetto de La Pedrera, con un breve riassunto della sua principale ispirazione per questo edificio. Quindi parlerò brevemente della storia di Casa Milà. Successivamente, scoprirai tutti gli elementi esterni, tra cui la facciata e il famoso tetto con i suoi camini e le incredibili viste su Barcellona. Passo quindi agli elementi interni, che comprendono l'attico, gli arredi, l'appartamento e lo spazio espositivo.

Se vieni a Barcellona per la vacanza della tua vita, assicurati di dare un'occhiata alle nostre case vacanze Barcellona e sentirti a casa. Stare in un appartamento costa meno che stare in un hotel e ti dà più indipendenza.

Antoni Gaudí

Come molti bellissimi edifici di Barcellona, anche Casa Milà è stata progettata dal genio creativo Antoni Gaudí. Fin dalla giovane età, Gaudí era appassionato della natura e dell'ambiente nel suo intorno, che divenne una delle sue principali fonti di ispirazione. Passò molto tempo a ricercare forme geometriche e formazioni in natura. Questo è evidente in tutte le sue opere. Noterai che molte caratteristiche delle sue opere, come le scale e le maniglie delle porte, sono state create utilizzando forme naturali in modo che siano ergonomiche ma eleganti.

Il grande libro, sempre aperto e che dobbiamo sforzarci di leggere, è quello della Natura.” (Antoni Gaudí)
“Niente è arte se non viene dalla natura”. (Antoni Gaudí)

Casa Milà fu l'ultimo edificio costruito da Gaudí prima di dedicarsi esclusivamente alla Sagrada Familia. 

Casa Milà

Casa Milà, conosciuta anche come La Pedrera, è un tipico esempio di architettura civica e uno degli edifici più iconici di Gaudí. Si è staccata dal tipico stile architettonico dell'epoca in quanto innovativa e funzionale pur essendo decorativa e piacevole da guardare.

Tuttavia, all'inizio del XX secolo, molti cittadini facoltosi non gradivano il design dell'edificio. Per i cittadini delle classi superiori, sembrava più una cava di pietra che un attraente edificio artistico, da cui il soprannome "La Pedrera" che significa cava di pietra in catalano. Per loro, l'edificio simboleggiava qualcosa di sporco e di brutto.

Nel 1905, la coppia appena sposata Milà acquistò una casa indipendente sul prestigioso Passeig de Gracia. Impressionati da Casa Batlló in fondo alla strada, decisero di incaricare Antoni Gaudí di costruire la loro casa. Il primo piano doveva essere la loro casa e avrebbero affittato il resto come appartamenti.

La costruzione dell'edificio iniziò nel 1906. Tuttavia, il processo di costruzione fu tutt'altro che lineare. A causa dei continui cambiamenti apportati dall'architetto, Gaudí è andò notevolmente oltre il budget. Tuttavia, questo non era l'unico ostacolo che doveva superare. Quasi non abbiamo avuto la possibilità di vedere i due piani più alti, in quanto superarono l'altezza massima consentita dal consiglio comunale che voleva abbatterli. Nonostante questo, a causa del loro valore artistico e di alcuni compensi finanziari, il Consiglio è stato in grado di fare un'eccezione. I Milà finirono per pagare 100.000 pesetas per legalizzare l'edificio.

La Pedrera è diventata un patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 1984, è stata restaurata e aperta al pubblico nel 1992, diventando una meravigliosa attrazione turistica nel centro di Barcellona.

Costruzione di Casa MIlà
La Pedrera Barcellona

Casa Milà Esterno

Recentemente ho fatto il "La Pedrera Day and Night Tour" per avere una migliore comprensione dell'architettura e del design dell'edificio e consiglio vivamente di visitare quest'opera d'arte. Una volta che hai raccolto la tua audioguida, camminerai attraverso il cortile interno. Questa era l'area in cui le auto avrebbero fatto scendere i residenti dell'edificio prima di scendere nel seminterrato. La Pedrera è stato il primo edificio a Barcellona ad avere una rotonda interna, che ha mostrato la ricchezza e lo status dell'edificio e dei suoi abitanti. Il tuo tour inizierà dalla cima dell'edificio e poi scenderai verso il piano terra.

In primo luogo, parlerò dell'esterno di La Pedrera, che include:

  1. La Facciata
  2. Il Tetto

Poi parlerò dell'interno de La Pedrera, che include:

  1. L'Attico
  2. L'Arredamento
  3. L'Appartamento
  4. Spazio Espositivo

Facciata

La Pedrera è un edificio di spicco nel quartiere dell'Eixample. Il quartiere è famoso per la sua pianta squadrata e foderata e Casa Milà è uno dei pochi edifici diversi dagli altri. Ciò ha causato polemiche tra la borghesia, che non ha gradito il suo aspetto da 'cava di pietra' a causa della pietra naturale utilizzata per costruire l'intera facciata, con piastrelle di ceramica bianca attorno al bordo superiore dell'edificio. Tuttavia, l'edificio alla fine ha conquistato i cuori di Barcellona ed è ora un'attrazione turistica molto amata ed è ancora sede di poche famiglie fortunate.

Gaudí ha costruito 33 balconi su La Pedrera con ringhiere in ferro battuto contorto per rappresentare le alghe. Le linee curve simboleggiano i movimenti naturali dell'acqua. L'intenzione era che l'edificio assomigliasse a un "mare di pietra". Le griglie in ferro battuto sono state realizzate utilizzando rottami di ferro provenienti da altri cantieri della città.

Ci sono numerose finestre, a causa della facciata autoportante. Non ci sono muri portanti perché i pilastri e le travi sostengono il muro, dando ai residenti l'opportunità di cambiare il layout, se lo desiderano. Noterai anche iscrizioni latine sulle pareti della facciata, che provengono dalla preghiera dell'Angelus e rappresentano il saluto dell'arcangelo Gabriele alla Vergine Maria.

Linee curve sulla facciata
Nessuna linea retta!

Casa Milà Tetto

Il tetto è una delle parti più impressionanti de La Pedrera, dove si può anche godere di una vista sulla capitale catalana. Puoi vedere molte delle principali attrazioni di Barcellona dal tetto, come la Sagrada Familia e la Torre Glòries. Ti senti veramente in cima al mondo.

Il pavimento del tetto è irregolare con gradini che avvolgono le pareti come forze della natura: terra, acqua, fuoco e aria. Ti immergi completamente nell'atmosfera mentre ascolti gli elementi mentre ammiri i camini. Ci sono 38 camini in totale. Le 6 grandi sculture sono le scale che conducono alla mansarda e 2 di esse sono pozzi di ventilazione.

Le forme insolite di questi camini in realtà ispirarono il creatore di Star Wars George Lucas. Dai un'occhiata ai camini nel collage qui sotto. Hai notato come assomigliano agli stormtroopers nei film di Star Wars? Quando George Lucas visitò la capitale catalana negli anni '70, si disse che queste sculture lo ispirassero, il che portò alle maschere degli stormtroopers come le conosciamo oggi.

Collage dei camini sul tetto de La Pedrera
Casa Milà camini sul tetto

Casa Milà Interno

Ora parlerò degli interni di Casa Milà. La mia parte preferita degli interni è l'appartamento Milà. Lo spazio espositivo era anche interessante con meno persone, quindi puoi prenderti il tempo nella pace e tranquillità della mostra.

Attico

Cammina giù per la scala a chiocciola e nel ventre di una bestia! L'attico è costruito utilizzando 272 archi a catenaria collegati da una spina centrale, quindi ti senti come se fossi all'interno dello stomaco di una balena e gli archi sono la cassa toracica. Molte persone credono che l'attico simboleggi lo scheletro di un pitone, a causa dei suoi corridoi tortuosi. Tuttavia, questo non è mai stato confermato ed è aperto all'interpretazione. Ogni arco si differenzia in altezza, il che spiega il pavimento irregolare e i gradini sul tetto.

In origine, l'attico era utilizzato per contenere le strutture comunali, come la lavanderia, le linee di abbigliamento e i macchinari per gli ascensori originali. Tuttavia, fungeva anche da camera di isolamento e ha giocato un ruolo nell'efficienza energetica dell'edificio. Gaudí riteneva che "gli edifici dovrebbero avere una doppia copertura". L'attico doveva essere il cappello e il tetto l'ombrello.

Negli anni '50, questo spazio era diviso in 13 appartamenti in stile avanguardista. Tuttavia negli anni '90, l'attico è stato riportato all'aspetto originale. Al giorno d'oggi, ci sono un certo numero di modelli esposti nell'attico. C'è un grande modello de La Pedrera, così come i modelli delle altre opere di Gaudí, come La Sagrada Familia e Parc Güell. Ci sono anche una serie di catene sospese con uno specchio sottostante. Gaudí usava questi modelli appesi per aiuto alla progettazione dei suoi edifici.

L'Attico de La Pedrera
Casa Milà Interno - attico

Se decidi di salire le scale a piedi fino alla soffitta piuttosto che con l'ascensore, noterai l'atmosfera accogliente, che è sorprendente considerando che queste erano le scale per i domestici. Gaudí ha progettato questa zona con pareti in marmo, verde e arancione per conferirle un'atmosfera familiare. Questo perché suo padre era un fabbro, quindi aveva un enorme rispetto per i domestici e voleva che fossero a loro agio. In totale, ci sono 200 gradini che portano al sottotetto.

Mentre salite le scale, non bussate a nessuna delle porte ne suonate i campanelli. Le persone vivono ancora in questi appartamenti!

Arredamento

L'arredamento de La Pedrera è stato una parte fondamentale del processo di progettazione. Gaudí voleva che i mobili fossero belli pur restando funzionali con pezzi che si adattassero alla forma umana. In soffitta, è possibile visualizzare le repliche delle sedie utilizzate negli appartamenti di Casa Milà. Sono stati deformati in una forma che ammorbidisce gli angoli ed evita i bordi duri. Sono anche esposte le maniglie delle porte. Gaudí le ha progettate con un pezzo di argilla, che ha schiacciato con la mano per creare una forma naturale. Ciò significava che porte e cassetti erano facili da aprire poiché la mano si adatta perfettamente.

Repliche del Mobilio di Casa Milà
Replica delle sedie progettate da Gaudí

Casa Milà Appartamento

Anche una replica di un tipico appartamento di Casa Milà che ospitava una delle famiglie benestanti di Casa Milà è aperta al pubblico. La prima cosa che noti mentre entri nell'appartamento è la quantità di luce naturale che si riversa nella stanza. Questo è insolito poiché il corridoio è una stanza interna, tuttavia Gaudí costruì il cortile interno per due motivi; come punto di partenza e per far entrare la luce naturale negli appartamenti.

Dopo aver visto un cortometraggio, si passa a una replica della camera da letto di un bambino. Ci sono oggetti e mobili originali nella stanza, come un letto, vestiti per bambini, una casa delle bambole e giocattoli. Le piastrelle originali sono state mantenute sul pavimento, poiché Gaudí ha preferito riservare il lussuoso parquet per le stanze più utilizzate nell'appartamento. Gaudí costruì appositamente questa stanza rivolta verso il cortile, lontano dal rumore della strada per non disturbare i bambini e vicina alla stanza della tata.

Le stanze più importanti sono nella parte anteriore della casa, con vista sul Passeig de Gracia. Queste camere includono il soggiorno e la sala da pranzo, l'ufficio e la camera da letto principale. Hanno pavimenti in parquet e sono stati decorati in una combinazione di stile imperiale, isabellino e moderno catalano. La camera da letto principale è particolarmente speciale, in quanto dispone di un ampio bagno interno, che era una novità al momento.

La Sala da Pranzo Casa Milà
La Sala da Pranzo

Altre Immagini

Esposizione La Pedrera

L'intero primo piano ospitava la famiglia Milà ma nel 1992 fu aperto come spazio espositivo. Ci sono un certo numero di mostre che si svolgono qui. Se vuoi vedere il programma, dai un'occhiata al sito ufficiale.

Perché non vedere tutto questo? Il seguente articolo ha tutto ciò che devi sapere prima, durante e dopo la tua visita a La Pedrera. Ciò include l'acquisto dei biglietti, quale biglietto scegliere, come arrivarci, il momento migliore per visitarla e molto altro ancora...

Fondazione Catalunya La Pedrera 

Mentre visiti la mostra, imparerai qualcosa sulla Fondazione Catalunya La Pedrera. Si tratta di un'organizzazione indipendente che non ha legami con il mondo degli affari, dell'economia o della politica e mira a sostenere il progresso della Catalogna e dei suoi abitanti. Riceve finanziamenti dagli edifici che gestisce e rimette i soldi nel ripristino e nella gestione di questi edifici. Supporta anche le pari opportunità per gli studenti e le sfere sociali e culturali in Catalogna.

Ti piace questo articolo?

Clicca qui!

5/5 - 4 voti

Ti potrebbe anche interessare

Dì ciò che pensi

Siete stanchi di leggere su Barcellona? Beh, trovare un appartamento e visitare!

Congratulazioni!

Il tuo credito attuale è di €10

I crediti di viaggio sono applicati automaticamente ai prezzi quando accedi al tuo account.

Ooooops! Si è verificato un errore

Connetiti con Facebook
Connettiti con Google
Hai dimenticato la password?
Inserisci la tua mail qui sotto e ti invieremo la password di recupero.
Cancellare
captcha

Orario d'aperura: Dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 18:00.

Parliamo inglese, spagnolo, tedesco, russo, francese, olandese e italiano.

+34 678625980
+33 184883620
+1 6465689734
+34 902052856
+46 844680527
+44 2036950691
+31 208083149
+39 0694804041
+49 3030808496
+45 89884196
Numero internazionale: +34 933255027
Accumula numeri per l'estrazione e vinci fantastici premi!

Chiunque può collezionare tickets partecipando nella nostra community. Di seguito potrai vedere come ottenerli.

Non vi sono limiti al numero di tickets che puoi accumulare. Più ne hai maggiore sarà l'opportunità di vincere!

Per renderlo più equo per tutti, azzeriamo il numero di ticket ottenuti dopo ogni sorteggio.

Cosa puoi vincere?
Vinci un weekend a Barcellona per 2 persone!

Vinci un week-end a Barcellona


Usiamo cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Se continui a navigare sul nostro sito ne accetti l'uso. Leggi di più qui. OK