• Valuta
  • Lingua
31 gen 2017 | Tempo di lettura estimato: 6 minuti |
Marijuana a Barcellona

Marijuana a Barcellona

Marijuana a Barcellona

Il consumo regolare di marijuana è ormai pianamente accettato nella nostra società?

L’ 8 novembre 2016, lo stesso giorno in cui Donald Trump ha vinto le elezioni, in vari stati degli Stati Uniti come la California e il Massachusetts veniva approvata la legalizzazione della marijuana .

A Barcellona ci sono più di 200 Club e Associazioni di consumatori che coltivano marijuana e la vendono ai propri soci senza incorrere in problemi con la legge.

Siamo scesi in strada per chiedere alla gente cosa ne pensa a proposito di questo tema e abbiamo raccolto le risposte nel video qua sotto. Vogliamo anche sapere la tua opinione. Come la pensi sulla legalizzazione e la regolarizzazione della marijuana? Che effetti avrebbe sulla nostra società?

Questo articolo nasce con l’obiettivo di creare un dibattito sull’argomento ascoltando l’opinione di tutti. Per approfondire l’argomento abbiamo anche contattato la Federació d'Associacions Cannabiques de Catalunya (CatFAC) che ci ha informato sulla normativa specifica che devono rispettare i moltissimi Cannabis Social Club che stanno proliferando a Barcellona e di cui ti parleremo in seguito.

Quindi se verrai a visitare la città non dimenticarti che se vuoi girarti un bel cann...Ah no! Noi di OK Appartamenti non vogliamo incentivare il consumo di marijuana né tantomeno incoraggiare il “narcoturismo” in città. Ci piacerebbe, al contrario, informare sul funzionamento e le leggi che regolamentano questo fenomeno. Non dimenticare di dare un’occhiata alla nostra selezione di appartamenti in affitto mensile che mettiamo a tua disposizione per farti sentire proprio come a casa tua durante la tua permanenza.

Vídeo

I. Il dibattito

L’eterno dibattito: Marijuana sì o no. Ognuno ha la propria opinione a riguardo e come emerge dal video non è necessariamente vero che i giovani sono a favore e gli anziani contro. Ognuno ha le sue ragioni, dal "cattivo odore" per alcuni, fino alla classica risposta "se è consentito il consumo di alcol e tabacco, perché non l’erba?"

Regolarizzazione VS Legalizzazione

In questo periodo storico in cui la cannabis è ormai diventata quasi parte della vita quotidiana e in cui il suo consumo è un dato sempre meno sorprendente, il dibattito potrebbe essere: Quanto in là ci si spingerà e come si andrà a gestire questo fenomeno? Da questa domanda nascono due linee di pensiero. Quelli a favore della legalizzazione e quelli a favore della regolamentazione.

La legalizzazione

C’è chi, come avete visto nel video, si augura che la cannabis venga legalizzata così che lo Stato possa controllare il suo commercio e porre fine al traffico illegale di droga. Nascerebbero così vere e proprie aziende specializzate che pagano le tasse e contribuiscono ad arricchire le casse pubbliche. Tra le altre cose, in questo modo diminuirebbe la spesa per le attività di controllo da parte della polizia e le spese giudiziarie a carico dello Stato.

"Da un lato mi piace combattere il traffico di droga" / "La gente sta continuerebbe a fumare (...) Sarebbe un buon metodo affinché coloro che la producono e la vendono pagassero le tasse come tutti gli altri."

Regolarizzazione

Ci sono sono anche colore che invece pensano che sia solo il momento di regolare questo tipo di mercato come avviene ora con i club , di cui parleremo poi. Ciò richiederebbe una legge ben strutturata per consentire un funzionamento regolare di queste strutture.

Coloro che sono pro regolarizzazione credono che lo Stato non debba entrare in questo tipo di commercio perché questo comporterebbe solo un aumento dei prezzi della marijuana e una lenta diminuzione della qualità del prodotto come è avvenuto nel caso delle aziende produttrici di tabacco, che hanno cominciato ad aggiungere numerose sostanze ancora più nocive alle sigarette.

"... Se si passa alla legalizzazione significa che lo Stato ne trarrebbe vantaggio e che aumenterebbe la tassazione. Non so fino a che punto sarebbe meglio lasciarlo come è ora, con i vari club. "

II. I Club e le Associazioni

Sicuramente avete sentito parlare dei Cannabis Social Club delle Associazioni di consumatori. E viene chiaramente da chiedersi.. come possono essere legali?.

In questa sezione vi diamo qualche informazione in più su questi luoghi avvolti in un alone di mistero. Quali sono? Come funzionano? Quali sono le regole da rispettare? Perché sono autorizzati? Come cercano di prendere le distanze dal turismo della cannabis e come mai si stanno moltiplicando soprattutto in Catalogna e particolar modo a Barcellona dove ci sono più di 200 club.

cat fac
Federació d'Associacions Cannàbiques de Catalunya (CatFAC)

Cosa sono i Cannabis Social Club

Si tratta di associazioni di fumatori senza scopo di lucro che si uniscono per auto-sostenersi. Prendono le distanze dal mercato del narcotraffico e puntano a normalizzare questa pratica. Nelle sedi di questi club agli associati è consentito fumare cannabis liberamente.

Perché sono legali?

La legalità di queste associazioni deriva dal diritto di auto-coltivazione per il consumo personale , che in Spagna non è considerata reato . La produzione e il consumo sono quindi legali nella misura in cui la cannabis viene utilizzata solo dai soci e non venduta a terzi.

Un club deve produrre marijuana in base alla domanda reale dei suoi soci, che devono, per quanto possibile, evitare la sovrapproduzione per rimanere nei limiti della legalità spiega CatFAC.

Per questo motivo, esiste un limite di marijuana che ciascun membro è autorizzato a comprare alla settimana e al mese. Si tratta di un massimo di 60-90 grammi per persona al mese al fine di garantire che venga consumata solo ad uso personale e non rivenduta al di fuori del club.

Essi non cercano di incitare il consumo ma semplicemente di garantire tranquillità e legalità alle migliaia di persone che consumano questa sostanza. Queste associazioni sostengono la regolazione di questa pratica per evitare di dover ricorrere al mercato nero con i rischi ad esso annessi sia dal punto di vista legale che sanitario.

Come funzionano?

Per poter comprare la marijuana ed entrare in un club è prima necessario esserne membro. Per diventare socio bisogna ricevere un invito da parte di un altro membro, dimostrare di avere compiuto 18 anni e di essere già un consumatore abituale .

Associazioni catalane come la Federazione CatFAC o l’Associacions Cannàbiques Autoregulades de Catalunya (FedCAT) e la Federazione cannabis spagnola (FAC), hanno stabilito una lista di buone norme di cui tenere conto per evitare sanzioni e sostenere la normalizzazione di questa pratica tra i residenti.

Secondo il Cat FAC: " Non esiste una legge che stabilisce che il rispetto di questo codice garantisca l’immunità da sanzioni, (...) Ma i governi di Valencia, Paesi Baschi e Catalogna tengono molto in considerazione il rispetto di queste norme.

Come evitare il fenomeno del "narcoturismo"?

colounbuds
Colonbuds

Uno dei punti importanti in questo codice etico è quello di garantire che i partner siano di nazionalità spagnola o che certifichino di risiedere in città al proprio club di appartenenza. I documenti che possono dimostrare la residenza includono contratti di affitto, fatture, contratto di lavoro ecc ...

Nel caso di stranieri residenti a Barcellona ma incapaci di provarlo si applica un periodo di 15 giorni dal momento della richiesta di iscrizione fino all’effettivo tesseramento. In questo lasso di tempo gli può essere concesso l’ingresso nel club ma non la possibilità di comprare marijuana al fine di evitare il turismo relativo alla cannabis e l’attività di lucro che in alcuni casi ha portato alla chiusura di club.

Un’altra norma importante prevede che il consumo avvenga per la maggior parte all'interno delle strutture dei club poiché secondo CatFAC, le associazioni sono luoghi di consumo immediato. Se invece si viene fermati dalla polizia in possesso di marijuana è possibile incorrere in una multa per possesso di droga.

Coltivazione e trasporto

Come già detto, la quantità di cannabis prodotta varia a seconda della domanda dei soci, pertanto ogni club ha una produzione propria che può avvenire sia all’esterno che all’interno di locali. La coltivazione deve seguire specifiche norme sanitarie e rispettare la convivenza pacifica con il vicinato evitando di creare problemi legati, per esempio, agli odori. Sono previste anche misure di sicurezza per prevenire i possibili furti..

Ogni partita di marijuana viene perfettamente etichettata con data, tipo, scadenza e l’uso a cui sarà destinata, per evitare problemi di trasporto fino al club.

Una delle regole fondamentali è quella di non ricorrere per nessun motivo al mercato nero . In caso di perdita delle colture per colpa di parassiti o in seguito ad un furto, i club si incaricano di richiedere un “prestito” dalle alle altre associazioni.

weed ambulance
Weed ambulance

Come sono i locali?

Per prima cosa, nei club non è consentito fumare se non in zone specifiche, ma nella maggior parte delle stanze è vietato fumare sia marijuana che tabacco.

È importante anche specificare che non si tratta di bar, e che i club non aspirano ad offrire alcun servizio di ristorazione poiché si tratterebbe concorrenza sleale nei confronti del resto di locali e bar.. Vi hanno accesso solo i soci, e in orari specifici.

I club spesso organizzano attività, conferenze, cineforum e mostre e al loro interno si trovano divani, giochi da tavolo, console per i videogiochi e altri oggetti che si potrebbero trovare in qualsiasi centro civico o associazione.

Quanti sono e dove si trovano?

A Barcellona ci sono circa 200 club di questo tipo . Alcuni anni fa, l'ex sindaco, Xavier Trias, decise di stilare una serie di norme specifiche come per esempio che nessuna di queste strutture potesse sorgere a meno di 150 metri da scuole, palestre o enti pubblici. Stando a questa misura, sarebbero sopravvissuti solo 11 club in tutta Barcellona, che secondo l’ex sindaco erano sufficienti per soddisfare l’intera utenza della città. Il nuovo sindaco, Ada Colau, ha invece deciso di cambiare questa norma abbassando a 100 metri la distanza tra i club e strutture destinate ai minori .

Le varie associazioni di genitori si sono subito scagliate contro questa modifica sostenendo che i club potevano costituire un effettivo pericolo per i propri figli. In tale proposito, l’APAS ha risposto prontamente sostenendo che a bar e tabaccheria, altri luoghi potenzialmente pericolosi per la salute dei minori, non è mai stato vietato di aprire nelle vicinanze di una scuola.

In sintesi

Per concludere, lo scopo di questi club non è quello di incoraggiare il consumo di marijuana, e tantomeno quello di rendere Barcellona la nuova capitale europea del “narcoturismo”. Il loro obiettivo principale è quello di porre fine al traffico illegale di droga proponendo nuove strategie e soluzioni.

Ti piace questo articolo?

Unisciti agli oltre 5000 iscritti e ricevi i nostri messaggi direttamente nella tua casella di posta. E 'gratis :)

Guest Writer

Asier Suescun Asier Suescun
Ok Appartamenti

Ti potrebbe anche interessare

Dì ciò che pensi

Siete stanchi di leggere su Barcellona? Beh, trovare un appartamento e visitare!

Congratulazioni!

Il tuo credito attuale è di €10

I crediti di viaggio sono applicati automaticamente ai prezzi quando accedi al tuo account.

Ooooops! Si è verificato un errore

Connetiti con Facebook
Connettiti con Google
Hai dimenticato la password?
Inserisci la tua mail qui sotto e ti invieremo la password di recupero.
Cancellare
captcha

Orario d'aperura: Dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 18:00.

Parliamo inglese, spagnolo, tedesco, russo, francese, olandese e italiano.

+33 184883620
+1 6465689734
+34 902052856
+46 844680527
OK-apartment
+44 2036950691
+31 208083149
+39 0694804041
+49 3030808496
+45 89884196
Numero internazionale: +34 933255027
Accumula numeri per l'estrazione e vinci fantastici premi!

Chiunque può collezionare tickets partecipando nella nostra community. Di seguito potrai vedere come ottenerli.

Non vi sono limiti al numero di tickets che puoi accumulare. Più ne hai maggiore sarà l'opportunità di vincere!

Per renderlo più equo per tutti, azzeriamo il numero di ticket ottenuti dopo ogni sorteggio.

Cosa puoi vincere?
Vinci un weekend a Barcellona per 2 persone!

Vinci un week-end a Barcellona


Feedback
Live chat
Usiamo cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Se continui a navigare sul nostro sito ne accetti l'uso. Leggi di più qui. OK