• Valuta
  • Lingua
17 ott 2017 | Tempo di lettura estimato: 7 minuti |
Gaudí independentista

Gaudí, tra cultura e catalanismo

Gaudí, tra cultura e catalanismo

Il creatore della Sagrada Familia fu un fervente difensore della causa catalana durante la sua vita

Le tensioni tra Spagna e Catalogna non sono nuove. Sono passati diversi secoli prima che si giungesse alla situazione attuale e al famoso referendum del primo ottobre. Alcune volte ci sorprendiamo dei personaggi famosi che prensero parte al conflitto. Proprio come l'architetto spagnolo Gaudí che fu un fervente difensore della causa catalana, come si può vedere in molte delle sue opere che esamineremo in questo articolo.

Se preferisci vedere con i tuoi occhi ciò di cui stiamo parlando, qui ti lasciamo una selezione di appartamenti nel centro di Barcellona per venire a vedere le opere più importanti di Gaudí.

Il sentimento catalanista di Gaudí non si mette in dubbio. Infatti, tanto nei suoi atteggiamenti quanto nelle sue opere, l'architetto catalano non ha mai potuto nascondere l'amore per la sua terra, anche quando, alcune volte, non era visto di buon occhio..

Contesto storico

Gaudí, nato nel 1852 e morto nel 1926, conobbe le giornate migliori e le peggiori della Catalogna. Infatti, nel XIX secolo la regione, annessa all'impero francese, ebbe una fiorente industrializzazione. La seconda metà dello stesso secolo si presenta ricca di cultura, contraddistinta dalla Renaixença, (“Rinascimento” nella lingua catalana), un movimento culturale che, per quell'epoca, rendeva onorevole mantenere la cultura e la lingua catalana. Gaudí contribuì enormemente a questo movimento.

L'inizio del XX secolo fu abbastanza diverso. Nel 1923, la Spagna, dopo un colpo di stato, fu liberata da Miguel Primo de Rivera, che impose la sua dittatura fino al 1930 con l'appoggio del Re Alfonso VIII.

La Catalogna fu privata dei suoi diritti e delle sue libertà, inclusa la sospensione di alcune delle sue istituzioni. Così, la Mancomunitat (Associazione di province della Catalogna), antenata dell'attuale Generalitat (Governo della Catalogna), fu costretta a mettersi da parte. I divieti contro i catalani si moltiplicarono, il dittatore ordinò una sottomissione totale da parte loro. Per questo infatti, era proibito parlare pubblicamente in catalano, Primo de Rivera bandì anche i simboli specifici della regione come bandiere, inni, ecc.

Nel 1928, in vista dell'Esposizione Universale di Barcellona nel 1929, il dittatore arrivò al punto di distruggere le quattro colonne del Montjuïc, simbolo della Catalogna, che rappresentavano le quattro bande della bandiera catalana (chiamata “seyera”). Non contento, chiamò il luogo dell'evento Plaça d'Espanya", con la volontà di rimuovere qualsiasi segno catalano a Barcellona, enfatizzando il suo carattere spagnolo su tutto.

La dittatura terminò nel 1930, con la rinuncia di Primo de Rivera, e la Catalogna recuperò gradualmente i suoi diritti e le sue liberta con sempre più autonomia per la regione. Purtroppo Gaudí non lo saprà mai, perché morì il 10 giugno 1926 prima delle dimissioni del dittatore.

Quattro colonne del Montjuïc distrutte
Le colonne del Montjuïc sono state abbattute

Le prove del suo catalanismo

Parlava catalano in pubblico

Gaudí è sempre stato uno dei più grandi difensori della lingua catalana. Infatti, impaurito di non poter parlare in pubblico, optò per ignorarei divieti e, inoltre, gongolava nel non rispettarli. Così, l'architetto si esprimeva in catalano ogni volta che gli si presentava la possibilità ignorando la folla che gli stava attorno.

Celebrando la "Diada", giornata nazionale catalana

Mentre le autorità spagnole chiudevano le chiese l'11 settembre del 1924, per evitare che I catalani celebrassero la loro festa nazionale,Gaudí sfidò questo divieto e si diresse alla chiesa di Sant Just I Sant Pastor. L'artista desiderava rendere omaggio agli ero catalani che morirono nella battaglia per difendere la libertà della regione.

In un'occasione, Gaudi fu arrestato e portato al commissariato, dove si rifiutò di parlare in castigliano. Alcuni dicono che l'architetto fu insultato e umilato dalla polizia, ma, alla fine, l'artista catalano fu liberato in cambio di una cauzione di 50 pesetas.

L'amore per la Catalogna attraverso le sue opere

Gaudí si è distinto durante la sua carriera grazie a opere architettoniche innovative e profondamente radicate nella cultura della regione. Nella seconda metà del XIX secolo, l'artista partecipò alla Renaixança, un movimento che, come abbiamo spiegato poco fa, pretende di riportare in auge la lingua e la cultura catalana.

Così l'architetto contruibuì al modernismo catalano, basandosi sullo stile gotico che stabilisce come quello della regione. Diamo un'occhiata ad alcune delle sue opere più emblematiche in cui lasciò un messaggio:

Una salamandra, il Park Güell e la "Senyera"
Simboli catalani sulle opere di Gaudí

1. Parc Güell (1900-1914)

Tormentato dai turisti in estate, il Parc Güell è senza dubbio uno dei luoghi più conosciuti di Barcellona. Il parco, ubicato nella zona alta della città, non era stato progettato così inizialmente. Commisionato dal mecenate di Gaudí, Eusebi Güell, l'omonimo parco fu disegnato per accogliere famiglie benestanti, per questo prense la forma di una città giardino, come quelle che si incontrano in Gran Bretagna. Visti gli eccessivi costi di produzione, l'architetto potè costruire solo tre delle sessanta abitazioni pianificate dentro il parco di 17 ettari. Riuscì però a terminare la famosa sala con cento colonne, la salamandra, il balcone di Barcellona e molti altri spazi.

Gaudí approfittò della costruzione del parco per includere alcuni riferimenti alla sua amata terra.. Per esempio, in una delle fontane del parco, si trova un mosaico raffigurante la bandiera catalana, un metodo molto utilizzato da Gaudí. L'architetto rappresentò anche in vari luoghi un drago, in riferimento alla leggenda di Sant Jordi (San Giorgio e il Drago), patrono della Catalogna. Se vuoi saperne di più sul parco più famoso di Barcellona, qui c'è un articolo che spiega dettagliatamente le sue origini, cosa puoi vedere e le informazioni utili per visitarlo.

2. Casa Batlló (1904-1906)

La Casa Batlló, situata in quella che viene chiamata “Manzana de la Discòrdia” (in spagnolo la parola “manzana” ha un duplice significato: “mela” e “isolato”), al numero 43 di Passeig de Gràcia a Barcellona, fu costruita sotto la direzione di Gaudí tra il 1904 e il 1906. E' tipica del modernismo catalano ed è una delle produzioni più emblematiche dell'architetto nella città.. Il suo simbolismo è stato interpretato in differenti modi, ma solo una cosa è certa: Gaudí, ancora una volta, sfruttò questo lavoro per esprimere il proprio amore per la Catalogna.

Così spiega Lluïs Permanyer i Lladós, scrittore e cronista della città, in una sua interpretazione interpretazione sul simbolismo della cosa come rappresenzaione della leggenda di San Giorgio, patrono di la Catalogna. Mostrala vittoria del bene e della fede sul male. Così si trova il drago, le cui colonne vertebrali sono costituite dalla parte superiore della facciata principale e le cui squame del dorso, inizialmente azzurre, diventano rosse sul lato sinistro della torre, a causa della ferita dell'animale. La lancia che uccide il drago è rappresentata dalla torre che, come raccontato nella leggenda, è coronata da una croce, in questo caso con incise le iniziali della Sagrada Familia.

Casa Batlló su Passeig de Gracia
Casa Batlló di Gaudí

3. La Sagrada Familia (1882-...)

Questa è probabilmente l'opera più conosciuta di Gaudíe, senza dubbio, lui è responsabile solo di una parte, dato che morì durante il suo lavoro. Fino a questo momento, la Sagrada Familia è ancora in costruzione, ma ogni anno riceve miglioni di visitatori curiosi di scoprire questo straordinario lavoro.

La costruzione della Sagrada Familia, l'ultimo lavoro di Gaudí, ha avuto luogo durante il periodo di dittatura in Spagna, durante il quale si imposero molte restrizioni ai catalani, specialmente a Barcellona. Un decreto richiese agli architetti che non costruissero edifici a Barcellona più grandi della Torre della Ciudadella ordinata dal re Felipe V. Oltre ad essere un simbolo della sottomissione dei catalani al re di Spagna, si trattava anche di rendere la città più facile da bombardare.

Gaudí, desiderando mostrare la sua disapprovazione per queste limitazioni, concepì la Sagrada Familia come burla per chi le aveva create. L'architetto aveva previsto per quest'opera 130 metri di altezza approssimativamente, con una torre centrale di 170 metri.. Sfortunatamente, Gaudí morì prematuramente, vittima di un incidente stradale, e poté vedere solo lo sviluppo del primo campanile, che si allunga per 100 metri d'altezza, ma già sfidava i divieti imposti alla città di Barcellona in quell'epoca. L'architetto volle mostrare la grandezza della Catalogna e il suo desiderio di liberarsi delle norme asfissianti imposte dalla Spagna.

Sagrada Familia Barcelona
La Sagrada Familia di Gaudí

Gaudí era indipendentista?

Il catalanismo non significa necessariamente indipendenza. Di fatto, il catalanismo è una corrente di pensiero politico e culturale che naque nel XIX secolo e che desiderava, soprattutto, promuovere tutte le specificità della Catalogna, che sia la lingua, la cultura o i diritti. Benché questa tendenza possa portare qualcuno ad una forma di nazionalismo, non naque inizialmente per reclamare una Catalogna indipendente ma bensì l'identità della Catalogna.

Per questo, si può dire che Gaudí fu realmente un catalanista, per l'amore che provava per la sua terra e la sua disponibilità a dimostrarlo, ma non come un indipendentista.. Dato che viveva in un'epoca differente, le reclamazioni, logicamente, non erano uguali alle attuali. Gaudí semplicemente desiderava poter parlare in pubblico la lingua della sua regione senza essere punito, ed essere orgoglioso di essere catalano senza scatenare l'ira delle autorità spagnole.

Infine, anche se Gaudí aderì sempre al catalanismo, non volle mai compromettersi politicamente,, anche se vari politici come Francesc Cambó o Enric Prat de la Riba lo fecero.

Un amore per la Catalogna che Gaudí ha trasmesso attraverso la sua arte, ma che non necessariamente deve essere visto come una posizione politica, ma meglio come un desiderio di reclamare una identità catalana, molto spesso trascurata a quell'epoca.

Gaudí Gift
Thug life Gaudí

Ti piace questo articolo?

Unisciti agli oltre 5000 iscritti e ricevi i nostri messaggi direttamente nella tua casella di posta. E 'gratis :)

Ti potrebbe anche interessare

Dì ciò che pensi

Siete stanchi di leggere su Barcellona? Beh, trovare un appartamento e visitare!

Congratulazioni!

Il tuo credito attuale è di €10

I crediti di viaggio sono applicati automaticamente ai prezzi quando accedi al tuo account.

Ooooops! Si è verificato un errore

Connetiti con Facebook
Connettiti con Google
Hai dimenticato la password?
Inserisci la tua mail qui sotto e ti invieremo la password di recupero.
Cancellare
captcha

Orario d'aperura: Dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 18:00.

Parliamo inglese, spagnolo, tedesco, russo, francese, olandese e italiano.

+33 184883620
+1 6465689734
+34 902052856
+46 844680527
OK-apartment
+44 2036950691
+31 208083149
+39 0694804041
+49 3030808496
+45 89884196
Numero internazionale: +34 933255027
Accumula numeri per l'estrazione e vinci fantastici premi!

Chiunque può collezionare tickets partecipando nella nostra community. Di seguito potrai vedere come ottenerli.

Non vi sono limiti al numero di tickets che puoi accumulare. Più ne hai maggiore sarà l'opportunità di vincere!

Per renderlo più equo per tutti, azzeriamo il numero di ticket ottenuti dopo ogni sorteggio.

Cosa puoi vincere?
Vinci un weekend a Barcellona per 2 persone!

Vinci un week-end a Barcellona


Feedback
Live chat
Usiamo cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Se continui a navigare sul nostro sito ne accetti l'uso. Leggi di più qui. OK