• Valuta
  • Lingua
21 nov 2017 | Tempo di lettura estimato: 8 minuti |
Turismo a Barcellona

Il conflitto catalano rende insicura Barcellona?

Il conflitto catalano rende insicura Barcellona?

Il turismo è diminuito nella capitale catalana. E' un calo giustificato?

Mentre il settore turistico a Barcellona continua a soffrire del conflitto tra Catalogna e Spagna, cerchiamo di capire la verità e vedere cosa sta succedendo realmente nelle strade della città. Risiedo nella capitale catalana da settembre e credo di avere una visione abbastanza oggettiva della realtà.

In questo articolo analizzeremo in primo luogo l'effetto del conflitto politoco nel settore turistico di Barcellona, seguendo vedremo come si tratta il problema con gli occhi dei mezzi di comunicazione e se il conflitto colpisce effettivamente le attività dei turisti e della gente che vive e lavora a Barcellona. Infine, vedremo cosa pensano di questo problema i turisti e le persone locali.

Se stai pensando di venire a vivere a Barcellona, dai un'occhiata alle nostre offerte di affitti mensili a Barcellona. Dopo aver letto questo articolo, vedrai che non ti preoccuperai di nulla! In più, ora hai la possibilità di visitare la città a prezzo low cost, visto che con il calo della domanda, si sono abbassati i prezzi degli alloggi e dei voli. Altro vantaggio: la città non è piena di turisti come al solito.

Meno turisti a Barcellona

E' innegabile che il conflitto catalano abbia avuto un impatto significatico nel turismo di Barcellona. Nei 15 giorni dopo il referendum, il settore già aveva registrato una caduta del 15% del fatturato a confronto con lo stesso periodo dello scorso anno.

Il settore ricettivo

Anche se alcuni speravano si trattasse di una situazione temporanea, quasi un mese e mezzo dopo, la situazione continua ad essere la stessa per la maggioranza delle imprese del settore turistico della capitale catalana. Infatti, gli hotel notano una diminuzione dell’occupazione generale nel mese di ottobre del 7% in comparazione all’anno precedente. In alcuni hotel di 4 e 5 stelle la diminuzione arriva fino al 40%! Questo ovviamente sta a significare una caduta anche nei prezzi. Fai una ricerca nella nostra sezione di appartamenti turistici e vedrai che i prezzi sono molto economici.

Altri settori colpiti

Gli hotel non sono gli unici ad aver subito le conseguenze del conflitto catalano. Le agenzie immobiliari, i ristoranti e molte altre imprese che offrono servizi turistici hanno ridotto il loro fatturato. Per esempio, alcune delle imprese che offrono il servizio di prestito biciclette e scooter a Barcellona hanno registrato una caduta del 50% del fatturato comparato all’anno scorso.

Ci sono previsioni di miglioramento?

La domanda è: il settore turistico catalano recupererà con le festività di fine anno e le vacanze di Natale?

Jordi Clos è il presidente dell’associazione alberghiera a Barcellona e risponde che questo è poco probabile, anzi sottolinea una diminuzione del 40% nelle prenotazioni per le vacanze di fine anno nella capitale catalana, sempre comparandole con quelle dell’anno scorso.

Lo stesso si può applicare al primo trimestre del 2018, che non dovrebbe mostrare un miglioramento d’accordo con le previsioni del settore che, senza dubbio, si dovrà aspettare un’estate diversa dal solito.

Turista a Barcellona
I turisti non sono molto numerosi tra le strade di Barcellona

Il conflitto catalano amplificato dai media

Alla luce delle prime cifre presentate dagli hotel e dalle imprese turistiche, tutti furono d’accordo sul dare la colpa ai risultati del referendum e alle sue conseguenze. Di fatto, il settore pensa soprattutto di essere vittima dell’immagine trasmessa dai media del conflitto.

Copertura mediatica ripetitiva

Jordi Clos sottolinea il carattere ripetitivo e esagerato della copertura mediatica del conflitto Spagna-Catalogna. Non è passato un solo giorno senza far nascere un nuovo articolo polemico sulla Catalogna. Questo fa sì che i cittadini di tutta Europa abbiano la sensazione che la situazione in questa zona sia critica. Questa sensazione è amplificata dalle immagini e i video che circolano nei social.

Immagini che superano la realtà

Le foto che circolano nel Web risvegliano l’ansia di più di una persona. La polizia per le strade durante il referendum attaccarono i manifestanti e grandi folle di dimostranti a favore dell’indipendenza...immagini e video quasi degni di una guerra civile.

Se vivi a Barcellona o hai visitato la città durante gli ultimi due mesi, sicuramente avrai ricevuto dei messaggi di familiari o amici preoccupati per te. Curiosa mancanza nella comprensione del conflitto! Come vedremo, la realtà è molto più tranquilla di quello che potresti pensare.

Che cosa succede realmente in città?

Anche se la regione è realmente coinvolta in una crisi politica importante, è necessario mettere la situazione nella giusta prospettiva: le persone che vivono e visitano Barcellona sono ben lontane dal sperimentare un clima di tensione simile a quanto descritto prima.

Manifestazioni pacifiche

A Barcellona si sono fatte una moltitudine di manifestazioni per reclamare l’indipendenza della Catalogna e a favore della conservazione della regione all’interno dello Stato Spagnolo. E’ molto importante sottolineare che tutte sono state manifestazioni popolare che si sono svolte in maniera totalmente pacifica.

Questa è una caratteristica del movimento indipendentista catalano che si mobilita senza ricorrere alla violenza. Le molte proteste per la causa hanno avuto luogo durante diversi anni e non spaventarono mai i visitatori della città o coloro che pianificavano di trasferirsici.

La più grande manifestazione indipendentista ha avuto luogo l’11 settembre, per la Festa Nazionale di Catalogna, chiamata anche Diada. Dal 2013, questi eventi attraggono più di un milione di catalani, che reclamano pacificamente una Catalogna più indipendente e libera. Se vuoi sapere di più su questo tema, qui troverai un articolo dettagliato dell'evoluzione del movimento indipendentista in Catalogna, attraverso i vari eventi politici e sociali di quest’ultima decade.

Eventi molto limitati nel tempo e nello spazio

Se viene a Barcellona non temere di incontrare persone con una bandiera catalana ad ogni angolo. Gli eventi hanno luogo di tanto in tanto e in luoghi specifici, spesso simbolici: plaça Sant Jaume, dove si trova la Generalitat (il governo catalano), o plaça Universitat, un luogo importante per la gioventù catalana.

Plaça Sant Jaume

I luoghi frequentati dai turisti come le Ramblas, la Sagrada Familia, la Barceloneta o il Porto Olimpico sono raramente interessati da queste riunioni. Chiunque sia passato per queste zone ultimamente può testimoniare un’atmosfera perfettamente normale di un novembre soleggiato, con turisti che passeggiano senza problemi e molto lontani dal conflitto politico.

La maggioranza delle persone che hanno visitato Barcellona nelle ultime settimane hanno solo notato una cosa inusuale: il rumore di padelle tutte le notti alle 22. Per i catalani, questa è la forma d’espressione per l’insoddisfazione portata da Madrid. Il social network Twitter è riuscito a concordare il momento in cui avrebbero mescolato i loro utensili da cucina al ritmo delle loro delusioni.

Questa forma di protesta nacque ad Argelia, dove i francesi usarono utensili da cucina per mostrare la loro opposizione all’indipendenza del paese. Da allora, queste pentole sono state sbattute in Cile, Argentina, Venezuela e in Quebec.

Il trasporto pubblico funziona perfettamente

Questa è una delle prove maggiori per dimostrare che la vita, nella capitale catalana, è del tutto normale: gli autobus, la metro e gli altri mezzi di trasporto funziona in totale normalità.

Nel caso di uno sciopero generale, i trasporti non sono molto interessati grazie ai servizi minimi e al fatto che l’adesione non è totale.

Sabato 11 novembre fu forse il giorno in cui la rete fu più interessata dallo sciopero. Ad ogni modo, insisto nel dire che questo era molto puntuale e la popolazione continua ad usarlo come al solito.

Opportunità di viaggiare a Barcellona Low Cost

I prezzi delle strutture ricettive e i voli sono scesi e ora i turisti hanno l’opportunità di viaggiare a Barcellona in maniera molto più economica. Questa città è normalmente affollata da turisti, e ora si può goderne con molta più tranquillità.

Potrai ascoltare le persone parlare della situazione, ma sanno come mantenere un equilibrio nelle cose. Non ti devi preoccupare di rimanere bloccato in una situazione violenta, se è questo che ti spaventa. Anche se le immagini che hanno trasmesso nelle ultime settimane sono quelle dell’odio, questo sentimento è molto lontano dalla realtà. Anche tra catalani e spagnoli, esiste un rispetto reciproco che persiste nel tempo da molti anni. Possono pensarla in maniera diversa ma non si odiano, proprio come si vede nel video seguente.

Opinione degli abitanti e dei turisti

Nei social si possono trovare testimonianze del clima di pace cittadino. Qui trovi alcuni esempi di Twitter.

Abitanti

I cittadini inviano messaggi di pace e amore. Invitano i turisti a tornare nella loro città, non hanno i problemi che i media descrivono e hanno descritto, ma vivono nel solito clima d’allegria.

Turisti

Dopo le immagini che sono state trasmesse e dopo i molti articoli allarmanti che sono stati scritti, alcuni hanno deciso di venire comunque nella capitale catalana. Questi ultimi non ne sono rimasti delusi.

Alcuni si godono la loro presenza a Barcellona per condividere la propria esperienza nei social. Risultato: per molti di loro, non c’è traccia del conflitto catalano per le strade e in città si respira il solito ambiente caloroso.

Ti piace questo articolo?

Unisciti agli oltre 5000 iscritti e ricevi i nostri messaggi direttamente nella tua casella di posta. E 'gratis :)

Ti potrebbe anche interessare

Dì ciò che pensi

Siete stanchi di leggere su Barcellona? Beh, trovare un appartamento e visitare!

Congratulazioni!

Il tuo credito attuale è di €10

I crediti di viaggio sono applicati automaticamente ai prezzi quando accedi al tuo account.

Ooooops! Si è verificato un errore

Connetiti con Facebook
Connettiti con Google
Hai dimenticato la password?
Inserisci la tua mail qui sotto e ti invieremo la password di recupero.
Cancellare
captcha

Orario d'aperura: Dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 18:00.

Parliamo inglese, spagnolo, tedesco, russo, francese, olandese e italiano.

+33 184883620
+1 6465689734
+34 902052856
+46 844680527
OK-apartment
+44 2036950691
+31 208083149
+39 0694804041
+49 3030808496
+45 89884196
Numero internazionale: +34 933255027
Accumula numeri per l'estrazione e vinci fantastici premi!

Chiunque può collezionare tickets partecipando nella nostra community. Di seguito potrai vedere come ottenerli.

Non vi sono limiti al numero di tickets che puoi accumulare. Più ne hai maggiore sarà l'opportunità di vincere!

Per renderlo più equo per tutti, azzeriamo il numero di ticket ottenuti dopo ogni sorteggio.

Cosa puoi vincere?
Vinci un weekend a Barcellona per 2 persone!

Vinci un week-end a Barcellona


Feedback
Live chat
Usiamo cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Se continui a navigare sul nostro sito ne accetti l'uso. Leggi di più qui. OK