• Valuta
  • Lingua
19 ago 2015 | Tempo di lettura estimato: 5 minuti |
chiese barcellona

Un tour alla scoperta delle chiese di Barcellona

Un tour alla scoperta delle chiese di Barcellona

Tra gotico, neogotico, barocco e romanico...un tour perfetto tra arte ed architettura!

Barcellona è divertimento, movida e colore ma anche storia e cultura. E infinita è la storia e la bellezza delle sue chiese. Scopriamone insieme alcune delle più belle, da quelle più famose alle più nascoste ai flussi turistici.

Se volete scoprire davvero da vicino la cultura e le bellezze architettoniche di Barcellona non potete assolutamente perdere un giro tra le sue chiese più belle e importanti. Disseminate nei diversi quartieri intorno alle Ramblas, dal Barri Gòtic al Raval, esse raccontano una lunga storia, giunta ai nostri giorni da tempi antichissimi.

Ecco dunque le chiese da visitare assolutamente durante un viaggio nella magica e affascinante capitale della Catalogna. Per aiutarti a trovarle, le trovi elencate per quartiere:

Nell' Eixample

Il quartiere dell’Eixample, letteralmente “ampliamento” è una grande zona a nord di Plaça Catalunya che si estende a sinistra e a destra di Passeig de Gràcia. Vide la luce nella metà dell’Ottocento, quando la città iniziò ad allargarsi ed espandersi oltre le mura medievali ed è caratterizzato da una struttura regolare particolarissima e subito riconoscibile dall’ alto.

Nel XX secolo continuò a crescere ed ampliarsi e diventare il cuore pulsante del modernismo catalano. Oggi oltre ai monumenti simbolo del genio di Gaudì, l’Eixample ospita negozi di design e locali alla moda. Qui si trovano le famose case di Gaudì ed una piccola chiesa in stile gotico.

Sagrada Familia Barcellona
Sagrada Familia

La Basilica della Sagrada Familia

La Sagrada Familia non ha bisogno di presentazioni: è il capolavoro assoluto del genio creativo di Gaudì e il monumento più visitato di tutta la città. L’ingresso è a pagamento.

La Chiesa è stata consacrata da papa Benedetto XVI e si presume verrà terminata nel 2026. Dall’ alto delle sue torri, immersi in un caleidoscopio di colori, si gode di una bella vista sul quartiere Eixample e oltre.

Iglesia de la Concepción

Questa piccola chiesa in stile gotico è al di fuori dei soliti itinerari turistici e per questo ancora più interessante. Vi si accede direttamente da Carrer d' Aragó e il suo chiostro risale al XV secolo, anche se è stato spostato nella posizione attuale solo alla fine del XIX secolo. La chiesa è del XIV secolo e il campanile di San Miguel è stato costruito tra l'XI e il XVI. Accanto alla chiesa sorgeva il monastero di Maria de Jonqueres con un favoloso chiostro gotico interno, tra i più grandi e belli della città.

Nel Barrio Gotico...

La zona del quartiere gotico, coincide con la città vecchia e si sviluppa nel cuore di Barcellona, tra vicoli stretti, vecchie pavimentazioni e antichi edifici in pietra risalenti al Medioevo. Qui hanno vissuto e lavorato artisti come Picasso e Miró.

Il Barri Gòtic si estende sul lato sinistro della Rambla, guardando da Plaça de Catalunya verso il mare, fino a Plaça St. Jaume. In questo quartiere puoi visitare la maestosa Cattedrale e numerose altre chiese, con stili architettonici diversi.

Cattedrale Barcellona
Cattedrale Barcellona

Catedral de Santa Eulalia de Barcelona

La cattedrale di Barcellona sorge nel cuore del Gotico ed è sicuramente la massima espressione dell’architettura gotica medievale di Barcellona.

La Chiesa è dedicata alla Santa Croce e a Santa Eulalia, al tempo unica patrona della città, che subì il martirio sotto i Romani. All’ interno non perderti la fontana delle oche e il reliquiario di Santa Eulalia.

Santa Maria del Pi Barcellona
Santa Maria del Pi

Basílica de Santa Maria del Pi

In stile neogotico, fu edificata su un precedente edificio paleocristiano del V secolo, la Basilica de Santa Maria del Pi ha assunto nel XIV secolo l’aspetto che vediamo ancora oggi. La facciata con l’enorme rosone di 10 metri di diametro vale da sola la visita. Da non perdere anche la vista dalla torre del campanile, alta ben 55 metri e dotata di sei grandi campane.

Basílica de la Mercè

Di origine medievale, la Basilica della Mare de Déu de la Mercè ha subito rinnovamenti strutturali nel XVIII secolo ed è giunta a noi come un mix d’effetto tra architettura rinascimentale, gotica e barocca. Essa è dedicata a quella che, insieme a Santa Eulalia, è diventata la patrona della città dopo aver da sola bloccato la diffusione della peste in città, nel XVII secolo.

Iglesia de Santa Anna

Nata come un monastero, la Chiesa ha subito nel corso dei secoli numerosi rifacimenti che spiegano la commistione ancora oggi visibile, tra elementi romanici e gotici. Si tratta di una chiesa davvero poco conosciuta, che sorge in Placeta Ramón Amadeu, a due passi da Plaça Catalunya e regala a chi la visita e si ferma nel suo piccolo chiostro, momenti di infinita pace fuori dal caos cittadino.

0Iglesia
Iglesia Sant Felipe Neri

Iglesia de San Felipe Neri

Ancora una chiesa, ancora un altro angolo di pace nel cuore della città gotica. Questa volta siamo in Plaça Sant Felip Neri, una piccola piazzetta non tanto conosciuta ai turisti, e la storia di questa chiesa barocca, tanto amata da Gaudí, è legata ad un triste fatto di storia recente; qui infatti videro la morte 42 persone, a causa di un bombardamento voluto dal generale Franco.

Cappella di S. Agata

Questa cappella del XV secolo, si trova all'interno del Palazzo Reale, nella Plaça del Rei. E' conosciuta anche con il nome di Capilla Real. Si trova esattamente sulla mura romane e fu costruita dal re Giacomo II e sua moglie Blanca d'Anjou. Al suo interno, vicino all'altare, si trova una delle icone della pittura catalana, realizzata da Jaume Huguet nel XV secolo.

Nel Born...

Il Born, tra la Barceloneta e Via Laietana è ad oggi uno dei quartieri più eleganti e vivi della città, con i suoi tavoli all’aperto e le vie dello shopping e della vita notturna, prima fra tutte Passeig de Born.

Originariamente fu un quartiere popolare della città medievale e, fino all’inizio del XX secolo palcoscenico di manifestazioni e attività politiche locali. Tra le vie che lo compongono sorgono il Palau de la Musica Catalana, il Museo di Picasso e quello dei Tessuti e dei Costumi nella bellissima Carrer de Montcada. Qui non puoi perderti la ..

Santa Maria del Mar Barcelona
Santa Maria del Mar

Basílica de Santa Maria del Mar

Altro esempio di gotico catalano è offerto dalla chiesa di Santa Maria del Mar, alla cui realizzazione si narra abbiano partecipato i lavoratori del porto di Barcellona e che probabilmente per questa ragione è consacrata proprio ai marinai.

La Basilica lascia senza fiato per la sua assoluta bellezza. Meno conosciuta rispetto alle prime, essa è diventata famosa per essere la protagonista del romanzo dello scrittore spagnolo Ildefonso Falcones.

Nel Raval...

Il Raval occupa la zona più ad ovest della città vecchia, oltre le Ramblas, ed è stata denominata per anni dagli stessi abitanti el Barrio Xino. Questo appellativo ha contribuito a far identificare la zona come sovraffollata e malfamata; nella metà degli anni ’90, grazie anche alla realizzazione del MACBA (Museo di Arte Contemporanea), essa ha però subito un cambiamento architettonico e sociale.

Da allora il Raval è stato riqualificato ed è entrato di diritto tra i quartieri turistici di Barcellona, in cui vecchio e nuovo, popolare e artistico riescono a convivere e creare qualcosa di sempre nuovo. In questo quartiere trovi chiese ancora poco conosciute ai turisti.

Iglesia de Nuestra Señora de Betlém

Eretta sui resti di un tempio gotico, andato distrutto a causa di un incendio nel 1671, questa chiesa barocca sorge lungo la Rambla ed è intitolata alla Madonna di Betlemme. Essa ospita l’ordine dei Gesuiti, come indicano le sculture presenti ai lati dell’ingresso, raffiguranti Ignacio de Loyola e Francisco de Borja, fondatori dell’ordine.

  Sant Pau del Camp Barcellona
Sant Pau del Camp

Iglesia de Sant Pau de Camp

Nel cuore del quartiere, questa chiesa, la più antica di Barcellona, rappresenta uno dei pochi esempi di romanico catalano rimasto in città. La chiesa di piccole dimensioni ospita un bel cortile esterno e un chiostro romano, dai chiari richiami musulmani al suo interno.

Iglesia De Sant Agusti

Lo stile barocco degli interni, luminosissimi, risulta in contrasto con la facciata esterna, mai completata e quasi in demolizione, che rischia di far passare inosservato questo piccolo capolavoro catalano.

Nella zona alta di Barcellona

La zona alta di Barcellona, sorge su un terreno collinare e regala una vista fantastica sulla città, fino al mare, e alcune attrazioni da non perdere, tra cui queste due chiese spettacolari.

Monastir Pedralbes Barcellona
Monastir Pedralbes

Monastir de Santa Maria de Pedralbes

Il Monastero rappresenta un angolo di pace fuori dal caos cittadino. In stile gotico catalano, esso fu realizzato nel XIV secolo per volere della regina Elisenda di Montcada, terza sposa di Jaume II. La chiesa è costituita da un’unica navata, con abside poligonale e bellissimi rosoni policromi. La cappella di Sant Miquel fu decorata dal pittore Ferrer Bassa nell’anno 1343, secondo il modello dei primitivi italiani.

Temple del Sagrat Cor – Tibidabo

La montagna del Tibidabo, con i suoi 543 metri, è uno dei punti panoramici più belli sulla città di Barcellona e ospita un vecchio parco divertimenti e il Temple de Sagrat Cor.

Si tratta di una grande costruzione neogotica, sovrastata da un enorme statua di Cristo, pensata per rivaleggiare con il Sacré-Coeur di Parigi. La sua realizzazione risale ai primi del Novecento ed è caratterizzata da un mix di stili architettonici tra cui anche elementi modernisti che ricordano le opere di Gaudì.

Come visitare tutte le chiese in 2 giorni.

Se siete a Barcellona per pochi giorni e vi interessa visitare queste Chiese, vi propongo un veloce itinerario per poterle vedere tutte in poco tempo! ;)

1° giorno

Il centro storico è molto piacevole da percorrere a piedi e non essendo tanto grande, in una mattina potrai tranquillamente visitare le Chiese che trovi nel quartiere del Raval, respirando l'atmosfera multiculturale di questo barrio. Dopo aver passeggiato per il Raval, raggiungi la Rambla e ti basterà attraversarla per essere già nel Gotico.

Qui potrai visitare la Cattedrale e le altre chiesette poco distanti. Goditi l'atmosfera di questo quartiere, tra i vicoletti misteriosi che ti faranno tornare indietro nel tempo e i numerosi bar all'aperto dove potrai rilassarti gustandoti un Vermut o una fresca Sangria. Se il tempo te lo permette, nel tardo pomeriggio puoi raggiungere il quartiere del Born dove puoi visitare la Basilica de Santa Maria del Mar.

2° giorno

La mattina ti consiglio di visitare il Monastero di Pedralbes. Raggiungerlo è molto facile: da Carrer d'Aribau, vicino a Plaza Universitat, puoi prendere le linee di autobus 64 o 68 che ti portano direttamente a Plaza de Pedralbes. Da lì si raggiunge il Monastero in 5 minuti a piedi. Dopo pranzo, se il giorno prima non sei riuscito a visitare Santa Maria del Mar, facci un salto e poi torna in Plaza Catalunya dove potrai prendere la metropolitana per salire fino al Tibidabo.

Per raggiungere questo punto alto della città e visitare il Templio, devi prendere la linea della metro S1 o S2 e scendere alla fermata “Peu del Funicular”, da qui prendi la Funicolare di Vallvidrera che ti porta fino alla fermata “Vallvidrera Superior”. Sceso dalla funicolare, prendi il bus n° 111 (ogni 30′) che ti porta diretto al parco e al Templio. Per tutto questo tragitto (45 min circa) ti basta un biglietto da 1 zona della metro (la funicolare non si paga).

...e se hai ancora tempo...

  • Iglesia de Sant Pacià: nel quartiere di Sant Andreu del Palomar. Si tratta di una chiesa neogotica del XIX secolo, realizzata dall'architetto Joan Torras i Guadiola, che contiene al suo interno uno splendido mosaico disegnato da Gaudí.
  • Iglesia de San Francisco de Sales: si trova nel quartiere Eixample Dret nel Passeig de Sant Joan. È considerata la più importante opera dell'architetto Joan Martorell i Montells, insegnante di Antoni Gaudi. La chiesa è a croce latina, ma diversi elementi ricordano il linguaggio architettonico che è stato poi successivamente utilizzato nel Modernismo.

Ed ora, non mi resta che augurarti...buon giro! ;)

Mappa delle chiese di Barcellona

Ti piace questo articolo?

Unisciti agli oltre 5000 iscritti e ricevi i nostri messaggi direttamente nella tua casella di posta. E 'gratis :)

Guest Writer

Erika Francola Erika Francola Pagina Web
Erika, vive a Roma ed è una travel e social addict. Scrive per passione ancor prima che per lavoro. Osserva, scatta, assaggia, e si perde sempre, con la testa tra le nuvole. Sui social è conosciuta come Amélie, come la Poulain, protagonista di uno dei film che ama di più.

Dì ciò che pensi

Ti potrebbe anche interessare

Siete stanchi di leggere su Barcellona? Beh, trovare un appartamento e visitare!

Congratulazioni!

Il tuo credito attuale è di €10

I crediti di viaggio sono applicati automaticamente ai prezzi quando accedi al tuo account.

Ooooops! Si è verificato un errore

Connetiti con Facebook
Connettiti con Google
Hai dimenticato la password?
Inserisci la tua mail qui sotto e ti invieremo la password di recupero.
Cancellare
captcha

Orario d'aperura: Dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 18:00.

Parliamo inglese, spagnolo, tedesco, russo, francese, olandese e italiano.

+33 184883620
+1 6465689734
+34 902052856
+46 844680527
OK-apartment
+44 2036950691
+31 208083149
+39 0694804041
+49 3030808496
+45 89884196
Numero internazionale: +34 933255027
Accumula numeri per l'estrazione e vinci fantastici premi!

Chiunque può collezionare tickets partecipando nella nostra community. Di seguito potrai vedere come ottenerli.

Non vi sono limiti al numero di tickets che puoi accumulare. Più ne hai maggiore sarà l'opportunità di vincere!

Per renderlo più equo per tutti, azzeriamo il numero di ticket ottenuti dopo ogni sorteggio.

Cosa puoi vincere?
Vinci un weekend a Barcellona per 2 persone!

Vinci un week-end a Barcellona


Feedback
Live chat
Usiamo cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Se continui a navigare sul nostro sito ne accetti l'uso. Leggi di più qui. OK