• Valuta
  • Lingua
28 set 2017 | Tempo di lettura estimato: 10 minuti |
Chiavi del Referendum

Le Chiavi del Referendum Catalano

Le Chiavi del Referendum Catalano

Le Chiavi per l'Indipendentismo in Catalogna

Questo articolo da le chiavi per capire le cause della crescita dell'indipendenza in Catalogna

Il 1 ° ottobre 2017 il governo catalano ha convocato una forma unilaterale di Referendum vincolante per l'Indipendenza. Lo Stato spagnolo non lo riconosce e le leggi approvate dalla Generalitat sono state annullate dalla Corte Costituzionale spagnola. Che cosa succederà, qual'è il suo risultato ?, cosa succederebbe se Puigdemont dichiara l'indipendenza?, qual'è la soluzione del conflitto in una regola di diritto?...

Questo articolo mira a dare le chiavi per capire le cause della nascita dell'indipendenza in Catalogna. Queste cause sono molteplici e estremamente complesse ma possono essere meglio capite attraverso l'analisi di dati preziosi offerti dal Centro per gli studi di opinione (CEO) della Generalitat. Per 10 anni il Centro ha sondato ogni tre mesi l'opinione pubblica catalana sul pizzo della Catalogna in Spagna.

Successivamente analizzeremo nel dettaglio come i distintieventi sociali e politici degli ultimi dieci anni, abbiano modificato sostegno sociale all'indipendenza attraverso diversi grafici fatti da OK Appartamenti Barcellona.

Una volta che capiamo l'origine e le molteplici cause del referendum, saremo in grado analizzare il possibile risultato. Alla fine dell'articolo troverai grafica sintetica e due video di opinione.

Il Referendum del 1 ottobre: l' esecutivo catalano si trova ad un punto morto

Il 1 ottobre del 2017 probabilmente è stato un giorno che rimarrà nella memoria di molti catalani. Quella domenica, fu fatto il referendum per l'indipendenza della Catalogna, non riconosciuto dal Governo della Spagna. Di fatto, sotto il punto di vista di molte autorità spagnole, fu svolto illegalmente, per cui si è tentato di evitare in tutti i modi di celebrarlo.

In qualsiasi caso, il referendum si svolse e i risultati, non verificabili data l'assenza di una commissione elettorale neutrale, furono rivelato poco dopo dall'esecutivo catalano. Carles Puigdemont, attuale “Presidente della Generalitat” annunciò una vittoria indiscutibile del “si” con circa 2.04 milioni di voti a suo favore (più o meno il 90% dei voti).

E adesso?

Come abbiamo visto, la situazione è ancora bloccata. Da un lato, le autorità spagnole negano categoricamente l'indipendenza e, dall'atro lato, Puigdemont e il suo governo beneficiano del forte appoggio della popolazione catalana che desidera la creazione di una Repubblica di Catalogna Indipendente.

Di fronte a questo stallo politico, si sono svolte continue manifestazioni. Mille persone nelle strade per mostrare uno scontento comune verso il Governo spagnolo, che non agisce come uno stato democratico, secondo l'opinione di molti catalani e di parte della popolazione e spagnola.

In qualsiasi caso, tutti speravano con determinazione il discorso di Carles Puigdemont di fronte al Parlamento catalano martedì 10 ottobre. In ritardo ed esaurito, il discorso del presidente della Generalitat parla dell'indipendenza in maniera timida, per rispettare la volontà di Madrid che durante quella giornata chiese di non fare nessuna dichiarazione irreversibile. Per questo, Puigdemont dichiara l'indipendenza e la sospende immediatamente, aprendo la porta al dialogo con il Governo spagnolo o alla mediazione di un terzo paese.

Come spiegare questo cambio?

A quanto pare, a causa di una consulenza notturna. A causa di pressioni esterne. Fino a che punto si può cambiare idea dal giorno alla notte?

Sembra che per Carlos Puigdemont sia una situazione difficile al momento. Il presidente dell'esecutivo non ha trovato altra soluzione che quella di retrocedere di qualche passo, spinto dalle diverse pressioni da cui è stato sottomesso.

Rifiuto dell'Unione Europea

Dal Referendum, si può dire che il movimento indipendentista non ha ricevuto nessun appoggio da paesi o organizzazioni. Per questo, l'Unione Europea ha dimostrato direttamente la sua insoddisfazione per il Referendum e ha appoggiato il Governo di Madrid. L'UE ha continuato su questa strada fino a martedì, quando il presidente del Consiglio Donald Tusk ha ribadito che l'Europa non avrebbe sostenuto la Catalogna e si sarebbe rifiutata di mediare.

L'appoggio quasi inesistente dei paesi vicini

Anche i leader dei vari paesi europei informarono Puigdemont, qualche ora prima del suo discorso, che non avrebbe ricevuto appoggio da parte loro. Il presidente francese, Emmanuel Macron, per esempio, fu categorico sulla sua decisione di non appoggiare la Catalogna in nessun maniera se avesse scelto la strada dell'indipendenza.

Madrid fa pressioni

Il Governo spagnolo approfittò dell'opportunità per trasmettere il messaggio a Carles Puigdemont per cui non sarà possibile un'inversione nel caso venisse dichiarata l'indipendenza e che, nel caso, Madrid prenderebbe i mezzi necessari per evitare che i separatisti portino a termine il loro progetto.

Il presidente dell'esecutivo catalano si vide obbligato a riflettere per alcune ore prima del discorso, durante il quale pianificava di dichiarare l'indipendenza della regione. Questa dichiarazione alla fine fu fatta, ma Puigdemont si affrettò subito a sospendere l'indipendenza a partire da quel momento, per permettere un dialogo con la Spagna.

Linea rossa stabilita da Rajoy
Mariano Rajoy dice a Carles Puigdemont e Oriol Junqueras: "Ah si? Vediamo se potete superare questa linea!".

Che cosa succederà probabilmente nei prossimi giorni?

Puigdemont ha preso posizione in Catalogna, e ora aspetta di vedere quale sarà la risposta di Madrid. Un consiglio straordinario dei ministri fu convocato per Mariano Rajoy, dopo la “dichairazione d'indipendenza” fatta dalla Catalogna. L'esecutivo catalano, se rifiuta il dialogo con Puigdemont, ha varie opzioni:

Proclamare lo stato di emergenza

Il governo di Rajoy potrebbe considerare l'ipotesi di dichiarare lo stato di emergenza. Ma questa opzione non deve essere presa alla leggera, visto che potrebbe essere un colpo alla democrazia, quindi la libertà di movimento e riunione degli spagnoli ne risentirebbe.

Le legge della “Sicurezza Nazionale”

Il Governo di Mariano Rajoy potrebbe dichiarare il Paese in una "situazione di sicurezza nazionale”, d'accordo con i termini della legge del 2015. Ma, ancora una volta, le conseguenze non sarebbero poche, visto che sono misure specifiche in situazioni di crisi. Per esempio, la polizia catalana potrebbe essere controllata da Madrid.

Usare l'articolo 155 della Costituzione

Sarebbe la prima volta che si applica nella storia della Spagna. Questa opzione permetterebbe al esecutivo spagnolo di prendere le misure necessare per obbligare la Catalogna a rispettare ciò che è scritto nella Costituzione e nei libri della legge. Per fare questo, per prima cosa sarebbe necessario che il Governo di Madrid ottenesse l'accordo di una maggioranza assoluta al Senato.

Le misure che potrebbero essere adottate nell'esecutivo spagnolo, dopo la sospensione dell'articolo 155 della Costituzione, sono diverse. Questo potrebbe andare dal “Controllo degli organi politici e amministrativi della comunità autonoma ribelle”, fino alla sostituzione di Puigdemont.

Collisione tra Spagna e Catalogna
Un incidente ferroviario che rappresenta il fraintendimento tra Spagna e Catalogna

Gli attori del fenomeno

Per capire l'evoluzione del sentimento dell'indipendenza nel tempo, è necessario conoscere in anticipo: (1) gli eventi politici più rilevanti; (2) Le manifestazioni di massa eseguite; (3) E le parti e le organizzazioni della società civile che hanno partecipato. Vediamo cosa sono:

eventi politici

Il contesto politico ed economico è decisivo nell'evoluzione del sentimento dell'indipendenza. Concentriamo la nostra attenzione su questi 10 eventi politici che verranno spiegati in seguito. Nelle parentesi mostriamo la percentuale di supporto all'indipendenza:

  • Statuto e referendum. Giugno 2006 (14.9%)
  • Inizio della crisi economica. Luglio 2008 (16.1%)
  • Inizio dei referendum municipali non ufficiali. Settembre 2009 (21'6%)
  • Sentenza della Corte Costituzionale. Giugno 2010 (24.3%)
  • Elezioni al Parlamento della Catalogna. Novembre 2010 (25.2%)
  • Partido Popular torna al governo spagnolo. Novembre 2011 (28,2%)
  • Elezioni catalane. Novembre 2012 (44.3%)
  • Inizio della più grave causa di corruzione in Catalogna. Luglio 2014 (45.3%)
  • 9-N consultazione popolare. Novembre 2014 (45,3 → 35,2%)
  • Elezioni catalane. Settembre 2015 (41.1%)

Le proteste di massa

L'indipendenza è un movimento popolare e democratico, frutto di un lungo processo in cui la mobilitazione sociale ha svolto un ruolo chiave.

La seguente tabella mostra la evoluzione della partecipazione a manifestazioni terrà il Giornata Nazionale della Catalogna (11 settembre) conosciuto in catalano come ' Il Diada '. Vedrete i dati di partecipazione forniti dalla (linea blu) Guardia Urbana mai conincidenti con quelli della Delegazione del Governo della Catalogna (linea viola). I valori reali della partecipazione devono essere ricercati in studi statistici oggettivi. Il grafico mostra in grigio la stima di Llorenc Badiella, Direttore dell' Applied Statistics "Universitat Autònoma de Barcelona".

La Diadas e i numeri
La Diadas - Anno dopo anno

Parti e organizzazioni

I principali partiti che hanno mobilitato per l'indipendenza sono:

  • Convergència i Unió (CiU) fu creata nel 1978 come stato Federale di due partiti di Centro-Destra, nazionalisti e liberali: Convergenza Democratica di Catalogna (CDC) e Unione Democratica di Catalogna (UDC). A partire dal 2012 il CDC fa un giro verso l'indipendenza che provoca una crisi tra i due partner. Entro la metà del 2015 le due parti si sono divise. Nel maggio del 2016, i suoi militanti hanno votato a formare una nuova festa per meglio risolvere i loro casi di corruzione e creare il Partito Democratico Europeo Italiano (PDECat).
  • ERC (Repubblicano Esquerra de Catalunya) . Creato nel 1931. Il centro-sinistra e l'Indipendenza, presente nelle cosiddette "Països Catalans" (Catalogna, Isole Baleari e Valencia).
  • CUP (applicazione univoco popolare) . Creato nel 1986. Partito, assemblea indipendente di sinistra, con forza, in particolare, nell'ambito comunale.

Due organizzazioni si distinguono come guida del processo per l'indipendenza:

  • Òmnium Cultural (OC) . Creato nel 1961. Organizzazione senza scopo di lucro per proteggere e promuovere la lingua catalana, la cultura e i diritti della Catalogna.
  • Assemblea Nazionale Catalana (ANC) . Creata nel 2012 a seguito delle consultazioni comunali sull'indipendenza (2009-2011). Organizzazione senza scopo di lucro al fine di conseguire, in modo democratico e pacifico, l'indipendenza della Catalogna.

Il Patto nazionale per il referendum è stato istituito il 23 dicembre 2016 su proposta del Parlamento della Catalogna. Esso ha elaborato un manifesto a favore della consulta a cui hanno già aderito più di 4.000 soggetti, tra cui i partiti secessionisti, i sindacati come l'UGT e CCOO e più di 400.000 persone.

L'evoluzione del supporto all'indipendenza

Il Centro di Studio di Opinioni(CEO) della Generalitat di Catalogna fa uno studio trimestrale di opinione da più di 10 anni con la seguente domanda chiusa:

"Pensi che la Catalogna debba essere ...? a) una regione della Spagna; b) una Comunità autonoma della Spagna; (3) Uno Stato all'interno di una Spagna federale; (4) Uno Stato indipendente. "

Il seguente grafico mostra come la percentuale di catalani che vogliono uno Stato Indipendente si è evoluta negli ultimi 10 anni. In esso si possono vedere i principali eventi politici e sociali che hanno influenzato l'opinione pubblica catalana.

La Catalogna deve essere ...
L'evoluzione del Sentimento Indipendentista

Si possono distinguere almeno due fasi principali dello sviluppo dell'Indipendenza in Catalogna:

1. La Etapa Emergente (2009 – 2011) in cui il sostegno all'indipendenza è passato dal 16,1% al 29%. Ci rendiamo conto che questo supporto nasce dal basso e dalla sinistra. In questa fase l'entità della società civile sono mobilitate attivamente come Ómnium Cultural e il Coordinamento Consultivo per l'Indipendenza (ANC predecessore)

2. La fase di sviluppo (dal 2012). L'indipendenza cresce con grande forza e raggiunge i suoi massimi storici. A partire dal 2012, le manifestazioni di massa si svolgono nelle Diades dell'11 settembre. Le indagini del CEO evidenziano un picco del 48,5% entro la fine del 2013 , con un aumento drammatico dal 2011 al 2012, passando dal 28,2% al 44,3% in solo pochi mesi.

Le chiavi per comprendere l'indipendenza

In questo capitolo analizziamo come i diversi eventi sociali e politici influenzano l'opinione pubblica catalana e ci forniscano le chiavi per capire il sentimento dell'indipendenza in Catalogna.

Mafalta contro la Spagna e la Catalogna
Mafalda rimprovera la Spagna e la Catalogna:'' sono stanca di voi!''

1. Statuto e Referendum. Giugno 2006 (14,9%)

Lo statuto dell'Autonomia della Catalogna è la norma istituzionale fondamentale della Catalogna, che regola l'autonomia e i margini di autogoverno di questo territorio. Il 10 maggio 2006 i Cortes Generales di Spagna hanno approvato una versione tagliata dello Statuto dell'Autonomia approvata in maggioranza dal Parlamento catalano.

Il Partito dei lavoratori socialisti spagnolo (PSOE) ha governato la Spagna con José Luis Zapatero come presidente. A quel tempo si è stimato che la popolare investisse 500.000 euro in una campagna mediatica contro lo statuto (stampa scritta, radio e Internet) e raccolse 4.000.000 firme conseguendo usura al Governo e affrontando gli spagnoli .

Il 18 giugno dello stesso anno i catalani votarono al Referendum per applicare la nuova regola. Il 74% dei voti ha approvato con una partecipazione discreta del 48,8%. Nello stesso momento un 14.9% dei catalani ha sostenuto l'indipendenza.

Il nuovo Statuto mirava a: (1) il riconoscimento formale della Catalogna come una realtà nazionale differenziata ; (2) l'aumento dell'autogoverno; (3) l'istituzione delle basi di un nuovo sistema di finanziamento per correggere ciò che molti catalani considerano un eccessivo deficit fiscale.

Campagna contro il nuovo statuto
Le campagne PP contro il nuovo statuto

2.Inizio della crisi economica. Luglio 2008 (16,1%)

Tra gli anni 2009 e 2015 il governo catalano di destra (CiU) ha tagliato più spese sociali rispetto a qualsiasi altra comunità autonoma. Durante questi sette anni, l'aggiustamento applicato dalla Generalitat per la salute, l'istruzione e l'altra copertura sociale era 26,6% . Il malcontento sociale generato dagli alti tassi di disoccupazione e dagli aggiustamenti salariali rendono le nuove opzioni politiche più allettanti.

È un sentimento diffuso tra i catalani, che ci sonotroppe tasseche vengono pagate dall'azienda spagnola e che non tornano al territorio. IlWall Street Journal afferma nel suo articolo Why Spain won't reform dell'aprile 2012 che l'equilibrio fiscale della Catalogna - Spagna era abusivo:

"…ogni anno dal 1986, un media del 9% del PIB della Catalogna in termini netti , ha lasciato la regione per essere ridistribuito passandoo per Madrid. In Spagna, solo le Isole Balneari rinunciano alla parte più importante della loro produzione nazionale. E in nessun altra parte dell'Europa o dell'America del Nord ci sono trasferimenti intra-statali di tale grandezza".

Manifestazione dell'Indipendenza
Testo nel Banner: Ci rubano 60 Milioni €/Giorno. Indipendenza = Necessità

3.I referendum municipali non ufficiali. Settembre 2009 (21'6%)

L'inizio del decollo dell'indipendenza è nato all'inizio del 2009 con referendum municipali non ufficiali. A quel tempo l'indipendenza aveva solo il 21,6% degli elettori e 23 deputati al Parlamento (ERC).

Tra il 2009 e il 2011 ci furono 900.000 catalani che votarono nelle 553 consultazioni municipali sopra l'autodeterminazione le quali iniziarono a Arenys e Munt e terminarono a Barcellona.

4. La sentenza della Corte Costituzionale. Giugno 2010 (24,3%)

Il Partito Popolare (PP) guidato da Mariano Rajoy depositato il 21 Luglio 2006 all'appello di incostituzionalità dello Statuto Catalano. Quattro anni dopo, il 28 Giugno del 2010, il Tribunale Costituzionale (TC) ha emesso la sua sentenza dichiarando 14 articoli incostituzionali. Questa corte è composta da 12 membri proposti da diversi organismi: 4 dal Parlamento , 4 dal Senato, 2 dal Governo e 2 dal Consiglio Generale della Giustizia.

Il 10 Luglio del 2010 + stata fatta la maggiore manifestazione della storia della Catalogna. Alla quale si presentarono 1,1 milioni di persone. Questa protesta non fu di carattere unicamente indipendentista e parteciparono ad essa tutte le organizzazioni commentate ((tranne ANC, che non esisteva). A quel tempo CiU non si auto-qualifica come un partito indipendente e le indagini del CEO indicano che l'elettorato è stato del 24,3%.

Politici indagati in Catalogna
Lista attuale dei politici accusati dal referendum

5. Elezioni al Parlamento della Catalogna. Novembre 2010 (25,2%)

Le elezioni al Parlamento del 28 Novembre 2010 sono vinte da CiU (non era ancora un partito indipendentista) e e il numero di deputati del proletariato era sceso da 23 a 14. Nella manifestazione detenuta due mesi prima delle elezioni, solo 9.000 persone hanno partecipato.

In queste elezioni, l'entità della società civile come "Òmnium Cultural" e il coordinatore delle domande per l'indipendenza (predecessore dell'ANC) e il diritto di decidere cominciarono ad apparire con più notorietà nel debito pubblico catalano.

6. Il Partito Popolare ritorna al Governo Spagnolo , Novembre 2011 (28,2%)

Il 20 novembre 2011 si sono svolte elezioni generali in Spagna e il Partito Popolare (PP)ha vinto nel Congresso dei Deputati un'importante maggioranza assoluta. El PSOE ha subito l'usura del suo governo dalla gestione della forte crisi economica..

Vignetta con catalani e una gabbia
Catalani arrestati

7. La Diada 2012 Settembre (34 % → 44,3%)

Nel giugno 2012 la percentuale degli indipendenti era del 34% e nell'ottobre 2012 il 44,3%. Si conta un aumento del 10,3% in appena quattro mesi. Vediamo chiaramente un effetto della manifestazione nei sondaggi pubblici, producendo una euforia collettiva per l'indipendenza.

Nell'ambito di un governo non-dialogante in Spagna, la sensazione dell'indipendenza nell'opinione pubblica va a discapito delle altre opzioniconsiderate nei sondaggi del CEO come lo Stato Catalano integrato in una Federanzione Spagnola.

Nel Luglio del 2012 il parlamento catalano ha approvato unaproposta di patto fiscale inspirata all'accordo economico del Paese Basco. Questa proposta ha presentato un dilemma al discorso di Mariano Rajoy:O si fa un patto fiscale o si inizia la strada per il proprio Stato. IlGoverno del PP non negoziò nessun aspetto della proposta catalana. La sua strategia di legalizzazione della politica catalana gli ha dato un chiaro vantaggio elettorale in Spagna dal momento che il sostegno chequesto partito politico ha in Catalogna è in minoranza.

8. Elezioni Catalane, Novembre 2012 (44,3%)

Il 26 di Novembre del 2012 si svolgono le elezioni anticipate al Parlamento catalano. Guadagna CiU con 48 posti (perdendone 14). ERC ottiene 21 deputati e la CUP entra nella camera con 3. Il 23 di Gennaio del 2013: Il Parlamento rende la dichiarazione di sovranità e il diritto di decidere.

Nel grafico che segue vediamo come è stata l'evoluzione della rappresentazione indipendentista nel Parlamento catalano. Nella grafica che rappresenta il risultato delle elezioni del 2012 vediamo disegnati in blu i seggi di CiU, che si presentò alle elezioni con la chiave di sovrano, chiaramente no indipendentista.

9. La Via Catalana. Settembre 2013 (massimo storico del 48,5%)

La Via Catalana all'Independencia è stata una catena umana di 400 Km organizzata per l'Assemblea Nazionale Catalana (ANC) nella Diada dell'11 Settembre de 2013 nella quale parteciparono circa  1.000.0000 di persone.

A quel tempo il sostegno all'Indipendenza arrivò al suo massimo storico del 48,5 % secondo lo studio di novembre dello stesso anno.

Catena Umana Catalana
Nell'anno 2013 iniziò la catena umana di 400 km per l'indipendenza

10. Inizio del caso più grave di corruzione nella Catalogna, Luglio 2014 (45,3%)

Jordi Pujol è stato presidente della Catalogna per 23 anni (1980 - 2003)e ha vinto 7 elezioni consecutive. Il 25 di Luglio del 2014 ha riconosciuto in una dichiarazione inviata a diversi media di ​ avere nascosto per i 34 anni il Tesoro pubblico "un denaro situato all'estero" .

Attualmente la sua famiglia è legata a diversi casi di . corruzione e con la proprietà di grandi conti correnti in diversi paradisi fiscali. Il Partito di Pujol era il CDC e ha deciso che le questioni di marketing elettorale dovrebbero essere fondate nel 2016 in un altro gruppo chiamato PEDCat.

11. Consulta Popolare 9-N. Novembre 2014 (45,3 → 36,2%)

Dato l'impossibilità di fare un referendum ufficiale e dopo diversi anni di grandi mobilitazioni sociali a favore della sua realizzazione, il Parlamento catalano organizza una consultazione elettorale il 9 novembre 2014 (9-N).

La consultazione è avvenuta nonostante sia stata contestata dal governo PP e ospesa dalla Corte Costituzionale.. La domanda era: "Vuoi che la Catalogna sia uno Stato?" (Sì / no) e, in caso affermativo, "Vuoi che sia uno Stato indipendente?" (sì / no).

Si stima che il 37% del voto elettorale, sia stato ottenuto, d più di due milioni di persone. Un 81% ha sostenuto uno Stato Indipendente, un 10,07% uno Stato nella Spagna Federale e un 4,45% nessuna forma di stato Catalano.

La consulta ha un effetto negativo nella opinione pubblica a favore dell'indipendenza. Un mese dopo della consulta, secondo le indagini del CEO, si pronunciano a favore dell'indipendenza un 10% in meno dei catalani , passando dal 45,3% al 36,2%,

12. Elezioni Catalane. Settembre 2015 (41,1%)

Il 27 Settembre 2015 si convocarono le elezioni tenute con un plebiscito,a causa dell'impossibilità, ancora una volta, di condurre un referendum.

Due settimane prima delle elezioni e contro la previsione, c'è una manifestazione da parte della Diada 11 di Settembre alla quale parteciparono 1,4 milioni di persone.Questo ha un effetto positivo sui sondaggi degli amministratori: da giugno ad ottobre 2015, il sostegno all'indipendenza va dal 37,6% al 41,1%

I Partiti Indipendentisti hanno ottenuto il 47,8% dei voti e la maggioranza parlamentare. La partecipazione dei cittadini é stata del 77,4 % del censimento elettorale.

Parlamento Catalano anno dopo anno
Evoluzione del Parlamento Catalano

Video e altre risorse sul tema

Per illustrare l'articolo siamo usciti pe rstrata e abbiamo fatto queste foto.

Referendum Catalano 1 Ottobre -Indagine sulla strada

Cosa pensano gli stranieri del referendum?

Infografica completa riguardo il movimento catalano indipendentista

Infografica riguardo il sentimento indipendentista catalano
Infografica Completa

Vuoi utilizzare questa infographic nella tua pagina web o nel tuo blog?

Semplicemente copia e incolla il seguente:

Ti piace questo articolo?

Unisciti agli oltre 5000 iscritti e ricevi i nostri messaggi direttamente nella tua casella di posta. E 'gratis :)

Ti potrebbe anche interessare

Dì ciò che pensi

Siete stanchi di leggere su Barcellona? Beh, trovare un appartamento e visitare!

Congratulazioni!

Il tuo credito attuale è di €10

I crediti di viaggio sono applicati automaticamente ai prezzi quando accedi al tuo account.

Ooooops! Si è verificato un errore

Connetiti con Facebook
Connettiti con Google
Hai dimenticato la password?
Inserisci la tua mail qui sotto e ti invieremo la password di recupero.
Cancellare
captcha

Orario d'aperura: Dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 18:00.

Parliamo inglese, spagnolo, tedesco, russo, francese, olandese e italiano.

+33 184883620
+1 6465689734
+34 902052856
+46 844680527
OK-apartment
+44 2036950691
+31 208083149
+39 0694804041
+49 3030808496
+45 89884196
Numero internazionale: +34 933255027
Accumula numeri per l'estrazione e vinci fantastici premi!

Chiunque può collezionare tickets partecipando nella nostra community. Di seguito potrai vedere come ottenerli.

Non vi sono limiti al numero di tickets che puoi accumulare. Più ne hai maggiore sarà l'opportunità di vincere!

Per renderlo più equo per tutti, azzeriamo il numero di ticket ottenuti dopo ogni sorteggio.

Cosa puoi vincere?
Vinci un weekend a Barcellona per 2 persone!

Vinci un week-end a Barcellona


Feedback
Live chat
Usiamo cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Se continui a navigare sul nostro sito ne accetti l'uso. Leggi di più qui. OK