• Valuta
  • Lingua
29 nov 2013 | Tempo di lettura estimato: 5 minuti |
Top 5 Falsi Architettonici

Top 5 Falsi Architettonici

Top 5 Falsi Architettonici

Non tutto è ciò che sembra. A Barcellona ci sono alcune opere artistiche di grande valore che non sono originali! La loro storia non è conosciuta da tutti ed in alcune situazioni sono stati ricreati dei falsi. In questo articolo andiamo a scoprire quali sono e la loro vera storia.

  • Il Barrio Gotico

    Barrio Gótico
    Barrio Gotico

    Probabilmente il più famoso caso di falso architettonico di Barcellona è il Barrio Gotico stesso, che paradossalmente è uno dei siti più famosi e visitati di Barcellona. Molti degli edifici di questo quartiere furono ricostruiti e riedificati durante il secolo XIX per dare un immagine più positiva e storica della città.

    Il Centro Escursionista di Catalogna o la Casa dell'Ardiaca, sono due esempi conosciuti di edifici che furono dichiarati nel 1924 Monumenti Storici Nazionali, ma le ragioni che li hanno portati ad ottenere tale denominazione ufficiale, in molte occasioni non erano veritiere.

    Il professor Agostino Cocola ha demistificato questo quartiere storico nella sua tesi di dottorato, in diversi articoli e scrivendo un libro sull'argomento. Inoltre, oggi vengono organizzati addirittura degli itinerari turistici sull'invenzione del quartiere Gotico.

  • Le colonne del Montjüic

    Columnas de Montjüic
    Colonne del Montjüic

    Le Colonne del Montjuic ebbero una storia controversa e quelle che oggi si possono ammirare in Piazza di Spagna, sono realmente molto recenti. Si tratta di una ricostruzione identica fatta nel 2010 dei pilastri costruiti all'inizio del secolo e successivamente demoliti.

    Situate in Avenida Maria Cristina, queste colonne sono state erette nel 1919 per l'Esposizione Universale del 1929. Simboleggiavano le linee della bandiera catalana. Durante però la dittatura di Primo de Rivera, l'intera area è stata modificata per rimuovere i riferimenti catalani. Il monumento più colpito fu proprio questo. Le colonne sono state demolite nel 1928 in occasione della visita di Primo de Rivera a Barcellona.

    Quindi nel 2010, le colonne furono nuovamente erette alle porte del Montjuic e sono subito tornate ad essere un simbolo dell'identità catalana.

  • Il Parco della Ciutadella

    Il Parco della Ciutadella
    Il Parco della Ciutadella

    Questo parco è una riprogettazione fatta nel 1888 per l'Esposizione Universale di quell'anno. Anche se costruito pochi secoli fa, la storia del Parco della Cittadella è molto ricca.

    In precedenza, era stato una fortezza costruita nel 1714 da Filippo V. Questa costruzione, in cui molti abitanti sono stati costretti a lavorare, è stata un problema durante tutta la sua storia. Così, fu ordinato di demolirla e ricostruita più volte durante gli anni a seconda dei capricci della storia del Parco della Ciutadella.

    Quando finalmente fu ricostruita nel 1888 e tramutata in un parco prima dell'avvento dell'Esposizione Universale, furono aggiunte varie sculture e opere d'arte complementari per imitare lo stile del tempo.

  • Le Colonne d'Ercole

    Le Colonne d'Ercole
    Le Colonne d'Ercole

    Questo è il nome dato ai resti del Tempio di Augusto a Barcellona. Le colonne sono l'unica parte del tempio che superano la prova del tempo. Ma è davvero così?

    In realtà, le tre colonne che possono essere visti nel Barrio Gotico, uno dei loro è una ricostruzione e solo le altre due sono i resti autentici dell'Impero Romano. Questo perché le colonne non si trovavano anticamente dove sono esposte oggi, ma i pezzi furono ritrovati sparsi in luoghi diversi della città. Per posizionarle di nuovo in quella che era la sua posizione originale, fu necessario per ricostruirne una.

    Comunque sia, la maggior parte di esse è originale e vale la pena vederle da vicino. Sicuramente coloro che le possono ammirare ogni giorno, sono i vicini le cui finestre affacciano proprio difronte a questo monumento di grande valore. Ogni viaggiatore se vuole, può sperimentare cosa vuol dire vivere di fronte alla storia, affittando un appartamento con vista sul Tempio di Cesare Augusto..

  • Il Padiglione Tedesco

    Padiglione Tedesco
    Padiglione Tedesco

    Si tratta di un padiglione costruito dallo Stato Tedesco sul Montjuic per l'Esposizione Universale del 1929, il disegno originale ebbe un grande successo. I tedeschi lo riconobbero come un simbolo del progresso e della modernità.

    Ironia della sorte, un anno dopo la mostra, il padiglione è stato smantellato a causa delle difficoltà economiche in cui versava la Germania e che le impedirono di tenerlo aperto.

    Nei primi anni '80, venne ricostruito di nuovo su iniziativa di un architetto catalano e nel 1986 riaprì le sue porte per visite turistiche o per la celebrazione di eventi.

Altri piccoli falsi architettonici

Facciata del Municipio
Facciata del Municipio

Questi grandi monumenti non sono gli unici esempi di falsa architettura a Barcellona, altri dettagli, non spettacolari come questi ma comunque significativi visto che le date non corrispondono, riguardano:

  • Il rosone di Santa María del Mar: l'originale è caduto durante un terremoto nel 1428, uccidendo dodici persone.
  • La Pietà della Cattedrale: la facciata rivolta verso la strada Pietat, presenta una scultura della Pietà che è realmente di plastica. È stata sostituita dopo un tentativo di rapina.
  • Amorat, anche esso di plastica: un caso identico è la scultura di Amorat nella casa Pich i Pon a Plaza Catalunya. La scultura dell'ex sindaco è stata sostituita visti i ripetuti tentativi di rubarla.
  • L'Angelo di Porta dell'Angel: nel Medioevo si celebrava un rito su questa strada in cui le donne in cinta chiedevano la protezione all'angelo. Però la figura (e con essa il rito) si trasferirono a Hostafrancs. L'immagine attuale è un dono dello scultore Ángel Ferrant Vázquez realizzata nel XX secolo.
  • La facciata del Municipio: nel XIX secolo, durante la costruzione della facciata del Municipio in Plaza Sant Jaume, l'architetto comunale decise di demolire un'altra facciata, quella che si affaccia sulla strada Ciutat, per colpa della "cattiva reputazione" dello stile gotico. Questa fu ricostruita cercando di ricreare lo stile gotico... con risultati disastrosi.

Questi sono i principali falsi architettonici che abbiamo trovato. E voi, ne conoscete altri? Raccontacelo lasciando un commento.

Ti piace questo articolo?

Unisciti agli oltre 5000 iscritti e ricevi i nostri messaggi direttamente nella tua casella di posta. E 'gratis :)

Guest Writer

Lola García Lola García
Locale, esperta di Barcellona. Amo viaggiare, adoro la Catalogna e la mia passione è scrivere nel blog, per riscoprire la mia amatissima città. Qualunque domanda abbiate, sono qui. (✿◠‿◠)

Dì ciò che pensi

Ti potrebbe anche interessare

Siete stanchi di leggere su Barcellona? Beh, trovare un appartamento e visitare!

Congratulazioni!

Il tuo credito attuale è di €10

I crediti di viaggio sono applicati automaticamente ai prezzi quando accedi al tuo account.

Ooooops! Si è verificato un errore

Connetiti con Facebook
Connettiti con Google
Hai dimenticato la password?
Inserisci la tua mail qui sotto e ti invieremo la password di recupero.
Cancellare
captcha

Orario d'aperura: Dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 18:00.

Parliamo inglese, spagnolo, tedesco, russo, francese, olandese e italiano.

+33 184883620
+1 6465689734
+34 902052856
+46 844680527
OK-apartment
+44 2036950691
+31 208083149
+39 0694804041
+49 3030808496
+45 89884196
Numero internazionale: +34 933255027
Accumula numeri per l'estrazione e vinci fantastici premi!

Chiunque può collezionare tickets partecipando nella nostra community. Di seguito potrai vedere come ottenerli.

Non vi sono limiti al numero di tickets che puoi accumulare. Più ne hai maggiore sarà l'opportunità di vincere!

Per renderlo più equo per tutti, azzeriamo il numero di ticket ottenuti dopo ogni sorteggio.

Cosa puoi vincere?
Vinci un weekend a Barcellona per 2 persone!

Vinci un week-end a Barcellona


Feedback
Live chat
Usiamo cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Se continui a navigare sul nostro sito ne accetti l'uso. Leggi di più qui. OK